Information/Noise (ep)

Avantgarde Metal . avantgarde-metal.com .
Asofy, the prince charming of suicidal-depressive black metal, returns with a new split, accompanied by fellow countryman Sleeping Village, boot-land’s foremost metallic shoegaze project.
In this split, each band presents one song, displaying their current mood. In that manner, Asofy turned more polished, while Sleeping Village recruiting sharper attitude that is gazing into the eyes of the beast with no shoes.
This EP contains both the similarity and difference between the two bands, besides the generic definitions. For instance, musical chairs: Tryfar, Asofy’s mastermind, is also the Sleeping Village vocalist; whilst in this recording Asofy’s vocals are done by Empio – overall a great deliverer; his vocals are another brick in the wall of suicidal black metal: deep, pitchy and agonized. Although both send their throats down the abyss,the song suffers a bit the absence of the vocal trademark. At the neighbors front porch, Tryfar’s throat strengthening the black side of SV, for a crucial charataristic of shoegaze is the soft and dreamy clean vocals; his ranting voice eliminate the cloud-like feeling of this sub-genre within the fuzzy guitars. However, the distant yet clear production puts the vocals a bit under the guitars layer, hence the outcome is the exact bland of eternal gazing and black winds.
As hinted before, this EP holds a statement about a new path for Asofy: more intensity and somewhat livelihood (as far as this term suits depressive black metal), more sharp edges, further exploration of the sub-genres in which the band dwells.
The name of the EP also implies of something else than the usual titles of the genre and correspond with the golden days of the black metal of the first decade – raw, cold and well-produced. Do not mistake, this is no Thorns nor Dodheimsgard. The quality of the production does not lessen the generic essence, the gloom still lies in the heart of it and we can hear its core much better, through and within the vaguely-distorted, fuzzed-out and Tear stained clean guitars.
SV’s effort starts with a buzz. A justified one, if you ask me, and hell of a lot darker and heavier from their wonderful album, “Fragments”. Then the heavy stuff comes. SV took the eminent blackest distortion, pushing it away from the thick layers of light dreams, into the realms of what can be sought as nightmare. But what lies behind that dreadful and so often black metal related sobriquet? A shade of bittersweet melody can run through it, as the end of the tunnel, to which you won’t reach. Not in this dream. True, in order to slide “To the Harsh Corners of Reality”, SV grant us crimson thorns. Oh no, the shoegazing black metal is all but nice and kind. This is the spearhead of a sub-genre, coming into being in the vast fields of definitions, or, to simplify it – a depressive-shoegaze song; the uttermost grief, the wretched vocals vs. the almost gentle distortion and the illuminated apertures. As always, the truth lies in the middle and that’s the uniqueness of SV.
Asofy’s song, “Il Silenzio per Parlare”, almost 13 minutes of another journey in the bleak landscapes of the wrecked human soul. The band adopts here much thinner sounds than before, that allow the clean and distorted guitars dwells in more convenient manner, like two barriers guarding the feeble heart and each other. The magnificent structuring of the song manifests why Asofy is wisely and gently balancing their way to those who appreciate the enormous capacities of the depressive black metal – the sudden climax, almost a glimpse of light (after seven minutes of dead ends). There is something in the melody that can make you believe again, even in the mere grounds of pits of despair. But it’s not the way life works. Soon, you’ll fall again, where you see nothing but black air. And rumbling, aching, incensed guitars. That life-drained voice is carrying all over, coming out of you, yet not yours. It will eventually end, it’s just an EP, but you’re already grey.
That’s life for you.
(Jobst)

Hateful Metal . www.hateful-metal.de . 8/10
Information / Noise ist zwar nicht mehr ganz taufrisch aber noch immer die aktuellste Veröffentlichung beider Gruppen. Während Sleeping Village mit Fragments ein weiteres aktuelles heißes Eisen im Feuer hat, ist es für Asofy die erste Veröffentlichung nach dreijähriger Stille. Seit Lento Procedere Prima Del Sonno hat sich stilistisch einiges getan. Der dunkelatmosphärische, trostlose und klagende Anteil ist zwar nach wie vor ein wesentlicher Bestandteil der Musik, doch dem düsteren Doom wurde Abwechslung und etwas Black Metal hinzugefügt. Atmosphärische, ruhig sowie langsam gespielte Gitarren sind nach wie vor zu hören, aber nicht nur. Zudem gibt es neben dem heiseren Klagegesang (den man auch von Fragments von Sleeping Village kennt, wo Tyrfar ebenfalls mitwirkt) nun auch echten, verzerrten Kreischgesang und hohes Tempo zu hören. Auf Information / Noise präsentiert sich Asofy nicht mehr als schleppende, dunkelatmosphärische Doom-Band. Hier gibt es nun mehr Black und Metal, was der Musik gut steht. Il Silenzio Per Parlare ist durch den Wechsel von ruhiger und schwerer Atmosphäre mit den schnellen und härteren Elementen viel eindringlicher und letztlich auch düsterer als Lento Procedere Prima Del Sonno.
Obwohl die MCD Fragments und diese Split zeitlich nur sechs Monate auseinander liegen, unterscheiden sich beide Veröffentlichungen. Einerseits ist To The Harsh Corners Of Reality länger als die gesamte MCD, andererseits ist das Lied ärmer an Tempo und Schroffheit. Fragments war eine rohe und obskure Mischung aus düsterem Black und Doom Metal. Auf Information / Noise wurde das Tempo gänzlich rausgenommen, rasende Parts wie in Bliss gibt es nicht mehr.  Stattdessen ist durchweg ein langsamer, schleppender Rhythmus zu hören, der von grellen Gitarren, vielfältigen Melodiesträngen und dem heiseren, aus der Ferne stammenden Gesang begleitet wird. Atmosphärische Passagen und harmonische Wechsel sorgen in dem 17 Minuten langen Lied für Abwechslung. Am interessantesten ist das Schlagzeugspiel, welches immer wieder in den Vordergrund rückt und dann sehr lebendig und flott gespielt wird, dass man es fast schon als Solo bezeichnen kann. To The Harsh Corners Of Reality ist ein interessantes Lied mit feinen, guten atmosphärischen und melodischen Veränderungen.
Von Asofy bin ich angenehm überrascht, da die Veränderung der Gruppe wirklich gut getan hat. Sleeping Village überzeugt nach Fragements gleichfalls, auch wenn man sich hier etwas anders präsentiert. Aber das spricht für die Vielfalt und Klasse der Band. Obsure Black Doom, so kann man Information / Noise abschließend zusammenfassen!
(Aceust)

Shapeless Zine . www.shapelesszine.com . 7 – 8 /10
Tornano sulle pagine di Shapeless ‘Zine diversi nomi noti, soprattutto per il sottoscritto che ha avuto già il piacere di recensire diverse uscite ad essi collegati: mi riferisco all’ottima etichetta Trazeroeuno, Asofy e Sleeping Village. Se già il primo nome ormai è diventato sinonimo di qualità in un panorama fatto di sperimentazione e atmosfere oscure, basta aggiungere l’incontro tra Asofy e Sleeping Village in uno split-CD ad aumentare ancora di più l’interesse di chi vi scrive. Dei primi, infatti, avevo già recensito con piacere “Lento Procedere Prima Del Sonno”, mentre dei secondi avevo avuto modo di apprezzare il MCD “Fragments”. Li ritrovo insieme oggi in un lavoro, sempre curato ottimamente dalla Trazeroeuno, composto da due sole composizioni, una per ciascuno, per una durata complessiva di poco più di mezz’ora.
Andiamo con ordine, però, e vi rinfresco la memoria sui due progetti musicali che, tra l’altro, sono strettamente collegati tra di loro: il progetto Asofy, infatti, è composto dal solo Tryfar (voce, chitarra, basso e programmazione), mentre dietro agli Sleeping Village troviamo un altro mastermind, Enrico M. (che ricordiamo anche per i suoi lavori coi Cervix e Blue Deers), che si occupa della musica e ancora lo stesso Tryfar alla voce. Se aggiungiamo che alcune parti di chitarra sul brano di Asofy sono state suonate anche da M., capite anche voi che il legame tra le due band è forte.
Dunque iniziamo ad ascoltare con attenzione questo split CD e partiamo da “Il Silenzio Per Parlare” di Asofy, composizione di circa tredici minuti che porta avanti il discorso intrapreso con “Lento Procedere Prima Del Sonno”, aumentando però il senso di malinconica disperazione che già era molto presente in passato. Lo stile tipicamente lo-fi che contraddistingue molti lavori della Trazeroeuno continua anche nel lavoro di Tryfar, con chitarre spoglie figlie della tradizione doom che rintoccano e vibrano assieme alle ritmiche minimali. La voce di Tryfar comunica dolore e rabbia con uno screaming triste e disperato, mentre i tempi si susseguono ipnotici, ora con qualche slancio di energia, ora con stanchezza e disperazione. Altrettanto importante è la componente black, che anima soprattutto la seconda parte del brano: anche in questo caso viene evidenziato quel filone più tipicamente depressive, continuando quindi a convogliare un senso di desolazione. Tutta la composizione, quindi, è sicuramente interessante ma se devo essere sincero avevo trovato più coinvolgente il precedente lavoro di Asofy, mentre per questo brano mi è parso di percepire una certa mancanza di dinamismo, come se tutte le emozioni fossero un po’ assopite e meno capaci di comunicare rispetto al passato.
Mi pare invece migliore quanto fatto dagli Sleeping Village con la nuova “To The Harsh Corners Of Reality”, che conferma tutto quello che di buono abbiamo potuto ascoltare anche in “Fragments”. La durata in questo caso è addirittura maggiore e supera i diciassette minuti; le chitarre si fanno ancora più distorte, trasformandosi in una sorta di ribollire sulfureo e anche la performance vocale di Tryfar diventa ancora meno intelleggibile, ruggendo come una bestia ferita. La musica degli Sleeping Village viaggia anch’essa su territori doom e anche qui l’ipnotico incedere delle note riesce a creare la giusta alchimia, portando la mente a vagare in spazi lontani e privi di vita. Nonostante la durata elevata, poi, non ho percepito nemmeno quell’unico appunto che ho sottolineato per “Il Silenzio Per Parlare”: qui le emozioni fluiscono senza argini e nel caos primordiale che sembra animare la musica degli Sleeping Village si riesce a veleggiare senza perdersi, restando ancorati alla mastodontica struttura dell’album. Personalmente credo che con questo brano Enrico M. abbia fatto un passo avanti anche rispetto a quanto ascoltato in “Fragments” e quindi mi auguro che possa continuare su questa strada anche in vista di un prossimo lavoro.
C’è, quindi, una sola cosa da aggiungere prima di concludere: è indubbio che le due composizioni siano assolutamente valide e il voto che trovate in fondo alla recensione si riferisce semplicemente a questo. Però allo stesso tempo è giusto mettersi nei panni di un potenziale acquirente e da questo punto di vista mi chiedo se non sarebbe stato meglio aggiungere qualcosa a livello di quantità: uno split CD di mezz’ora, con un solo brano per ciascun progetto forse non è il modo che consiglierei per conoscere queste due realtà. A conti fatti, quindi, questo lavoro mi pare più un completamento per chi già conosce sia Asofy che Sleeping Village e se così non fosse vi consiglio di puntare piuttosto ai singoli lavori di ciascuno. Solo un piccolo appunto, per correttezza, ma sia l’etichetta che le due band restano realtà da supportare e far crescere, quindi se state leggendo queste righe e apprezzate le distese più desolate della musica, non fatevi attendere e date il vostro contributo!
(Danny Boodman)

Doom Metal . www.doom-metal.com .
If Punk’s not dead, then Doom/Black isn’t either. Asofy and The Sleeping Village forge an alliance and present together a 30-minute split consisting of only two compositions, it’s Doom, remember?
’Information/Noise’ is its name and somehow it fits well with everything this split is about, especially the second part of the title when it comes to The Sleeping Village song. This release comes in a beautiful and well-formed digi-pack edition, a bleak artifact in its own demise, ready to enslave your mind in obscure and kind of gentle torturous ways and by saying this I mean it holds a warm aesthetic, like the blood running deep within your veins.
Concerning Asofy, if you’re a fan of the genre I bet you recall 2001’s ’ebYm’, it had quite an impact on the scene back then, afterwards we lost their signal until 2007 when a EP came out and now they’re back, delivering vibes of existence. ‘Il Silenzio Per Parlare’ is here to break the silence with its overwhelming melodic disheartenment. Every single moment breathes pain, from the melodic harmonics on the guitars to the afflicted screams. The obscure thing, in a good manner of speaking, is the fact that during its first half if there’s something that proves it’s still Metal, it has to be the screams and part of the drumming at times. The guitars inflict major calmness on the overall atmosphere then suddenly burst into a raging river of melancholy during the second half of that escalating composition with more aggressive screams and firing drumming and as it reaches its end it holds an epic sense of grandeur.
As for The Sleeping Village, they’ve been around for almost a decade now, yet a full-length release hasn’t seen the light of day thus far and all you will find are EPs, demos and splits, like this one. ‘To The Harsh Corners Of Reality’ is a composition with a warm aura and, as I mentioned above, a noisy atmosphere that is omnipresent through its whole duration; it must be the key to this ambiance I suppose and it works really well dare I say, without messing up its organic sound. Acoustic harmonies, static and demented riffing, an ideal rhythm section so as to hold together the main structure of the song and some painful echoing shrieks that conceal all tranquility is what you’ll find lying in here, along with a heavy distortion that plays its part in the noisy pathways lurking all over the place. One big plus has to be the drum sound which I found some kind of a tribal beating in the overall madness and this song holds loads of it!
’Information/Noise’ is neither a gem nor a rock in the pits of hell, it serves its purpose on reminding us Asofy and The Sleeping Village are into town and they don’t intend to surrender, in a bleak manner of speaking of course! Fans of genre could purchase this slpit, it won’t disappoint, on the contrary.
(Konstantinos Vertzizis)

Stereo Invaders . stereoinvaders.com . 8/10
Con immenso piacere torniamo a parlare di un produzione discografica della Trazerouno Records, label adepta della sperimentazione e coraggiosa nel farsi portatrice di un verbo musicale assai ricercato. Per l’occasione ecco tra le mani uno split di due interessantissimi gruppi. Partiamo allora dalla prima traccia, “Il Silenzio Per Parlare” degli Asofy. Gli affezionati lettori della nostra webzine avranno già letto di loro, anzi meglio lui, perchè la one-man band torna con un brano struggente. Sentiamo più malinconia rispetto al precedente “Lento Procedere Prima Del Sonno”, gli estremi si sentono infatti di più. Pensieri riflessi e distorti che scorrono lungo le pareti della sofferenza, lasciando solchi e facendone ferite insanguinate. Lavoro dalle ritmiche incantatrici e che comunque continua idealmente la linea tracciata del passato da Tryfar. A far compagnia alla Doom/Ambient Black band, ecco gli Sleeping Village, project che vede impegnato Enrico M. (Cervix) e il già prima citato Tryfar. Due demo, due split ed EP, questa la storia di un’avventura iniziata nel 2002. “To The Harsh Corners Of Reality” è un brano stridente, che ha un sapore Noise più marcato in confronto ai compagni di split, ma che si muove su lidi comuni. Urlo lancinante che ci travolge e che poi, d’improvviso, ci soffoca. Segnale radio che nasconde messaggio subliminale, nitida disperazione che non trova immagine di se stessa, se non un nero ed informe gorgo di livore. Scoramento che diventa limbo in cui vagare, senza forza di volontà alcuna. Da non perdere!
(Thiess)

Blackterrormetal . blackterrormetal.com . 7-7,5/10
Asofy e Sleeping Village sono due progetti concatenati, dato che Tryfar (leader della one man band Asofy), fa le parti vocali negli Sleeping Village.
Sono tutti e due progetti dove abbiamo una sola personalità che si occupa di comporre la musica e dove la sperimentazione è parte importante. Tuttavia si tratta di due progetti musicalmente distanti.
Partiamo da Asofy, che propone un lungo pezzo di quasi tredici minuti, dove le parti vocali sono sordi lamenti e la musica è quasi sempre lenta e melanconica. “Il Silenzio per Parlare” è un pezzo costruito su un mid tempo sofferente, con molti richiami al doom e al black metal più moderno e depressivo. Non si tratta di una canzone immediata, ma l’intensità emotiva è travolgente; è costruita per trovare il suo incipit nella parte finale, dove le chitarre si fanno più rabbiose, il cantato più rintracciabile e i ritmi più sostenuti.
Con Asofy si scende nell’oblio; è una musica prettamente atmosferica, dissonante, con uno stile piuttosto personale e un testo in italiano (lo potete leggere nel booklet, come quello di Sleeping Village). Interessanti, sicuramente.
Gli Sleeping Village li conosciamo abbastanza bene e si tratta di una band con già all’attivo molto materiale. Lo stile si è evoluto negli anni e oggi è difficile descrivere la loro musica. La base primigenia, rimasta nel dna del progetto, è quella di Burzum, con tante incursioni doom.
Le chitarre hanno un bel suono marcio che richiama anche qualcosa di sludge / doom, ma allo stesso tempo ci sono degli arpeggi raffinati che li avvicina più a realtà quali i Deinonychus.
“To the Harsh Corners of Reality” è un pezzo avvolgente, decadente, dal riffing “polveroso”.
Nella musica di Sleeping Village c’è sempre una massiccia dose di atmosfera e mistero, che rende la loro musica come un viaggio psichedelico e visionario, oggi più che mai.
Gli oltre diciassette minuti del pezzo ci lasciano piacevolmente coinvolti fino al termine e Sleeping Village si conferma come una delle realtà underground più creative del suolo italiano.
{Mirror}

Audiodrome . www.audiodrome.it . 4/5
Dietro i nomi di questo concept-split troviamo l’onnipresente Tryfar, che oltre a pubblicarlo unicamente per la sua Trazeroeuno, si rende qua protagonista con voce (Sleeping Village),  strumenti (Asofy) e immagini. Ad arricchire il lato Asofy, inoltre, è presente il testo scritto da Vocisconnesse.
“Il Silenzio Per Parlare” apre questo disco presentandosi su note malinconiche, con voce straziata e un ritmo molto lento, nella più tipica impostazione depressive black. La melodia è l’elemento portante di tutto il pezzo, anche se comunque si assiste a diversi cambi di velocità, con un paio di accelerazioni accompagnate da chitarre decisamente più ruvide e batteria serrata. Il finale è a dir poco notevole, con il brano che si chiude sulle macerie generate dal perfetto intrecciarsi di chitarre-batteria-synth, un crescendo micidiale, violento ma elegante, che accompagna lentamente l’ascoltatore verso “To The Harsh Corners Of Reality”, in un’atmosfera sempre più cupa e sofferta.
Il brano del duo Sleeping Village si dimostra fin da subito più rumoroso rispetto al pezzo di Asofy, perché emerge un suono decisamente grezzo (la registrazione sarebbe avvenuta in un “dismesso istituto di correzione minorile”) e privo di synth, a testimoniare l’intenzione di creare un qualcosa di “lo-fi” e piuttosto raw. Anche qua non manca una discreta componente melodica, non di primaria importanza ma comunque molto azzeccata. “To The Harsh Corners Of Reality” si dimostra un pezzo abbastanza statico almeno per parte della sua durata, procedendo tra vorticose distorsioni, batteria sostenuta e riff rarefatti, per raggiungere poi una conclusione inaspettata, dove troviamo un suono dilatato ed etereo. Il punto forte dell’intero split è forse proprio questo: nonostante la lunghezza dei brani (che per il genere è piuttosto standard), i due progetti hanno saputo scrivere della musica coinvolgente e soprattutto poco prevedibile, precisa nell’esecuzione e capace di farsi apprezzare per la genuinità della sua proposta.
(Giacomo Tomasetti)

Metallized . www.metallized.it . 67/100
A volte etichettare le cose non è una questione di inutile pignoleria. A volte è la necessità di avvertire un terreno stabile sotto i piedi, senza venire terremotati dalle incertezze. La versione inglese di Wikipedia definisce così la musica Noise:
“Noise music is a term used to describe varieties of avant-garde music and sound art
that may use elements such as cacophony, dissonance, atonality, noise,
indeterminacy, and repetition in their realization.

Perchè vi dico questo? In realtà lo dico soprattutto a me stesso: è un modo per escludere eventuali dubbi sulla natura del nuovo split targato Trazeroeuno, lo split che vede il riuscito matrimonio tra Asofy e Sleeping Village. E’ tutto molto più semplice di quanto potrebbe sembrare di primo acchito, ed è tutto molto più intelligibile di come può apparire quando ad ascoltare il disco è un profano come me. In realtà, la proposta delle due band non prevede quasi nessuna cacofonia, ne’ nessuna dissonanza esagerata od atonalità, men che meno prevede l’appartenenza a qualche corrente avanguardista.
Nella fattispecie siamo in presenza di un interessante prodotto Black Metal, costantemente in bilico tra il Depressive di nuova generazione ed il Post Metal.
Dalla prima etichetta, Information / Noise prende il cantato -disperato e lacerante come vuole la tradizione-, talune distorsioni di chitarra -soprattutto le più zanzorose e sature-, numerosi stacchi di batteria. Dal secondo genere musicale, il disco mutua l’uso intelligente degli arpeggi “in crunch” permeati di riverbero ed echi pastosi (talvolta con un vacuo wah wah in background) e le strutture ritmiche compassate. Questa attitudine riflessiva ed atmosferica è un sistema intelligente di aggiungere una zolletta di zucchero ad un prodotto estremamente amaro.
Tra le due band c’è grande intesa, e probabilmente il merito sta anche nel membro in comune, Tryfar (polistrumentista nella prima canzone, cantante nella seconda), ma a mio avviso hanno dimostrato più maturità compositiva gli Asofy -che del resto vantano già un disco all’attivo-, soprattutto in virtù della varietà atmosferica molto più pronunciata, benchè probabilmente gli Sleeping Village si distinguano per l’originalità.
Anche per quanto concerne il cantato ho preferito la prestazione di Empio nel primo brano (Il Silenzio per Parlare), più profonda dal punto di vista delle dinamiche e forse anche più teatrale e drammatica (ed è curioso che sia una registrazione “in separata sede”, nel lontano Blitz di Oslo), mentre Tryfar al microfono propone una prova urlata di chiara matrice Torture che assolve soprattutto alla funzione formale (Urfaust docet).
Dal punto di vista del coinvolgimento emotivo, ancora una volta hanno trionfato gli Asofy, forse perchè si concedono di più al pubblico grazie ad una velata vena melodica, pur banale, ed un maggiore rigore nel dialogo tra gli strumenti. Se di “noise” in senso lato bisogna parlare (come suggerisce anche il titolo), esso è presente nel secondo pezzo, To the Harsh Corners of Reality, nel momento in cui le linee “melodiche” si affollano prepotentemente l’una sull’altra, avvicinando taluni passaggi all’indeterminatezza ed alla cacofonia. Di certo la produzione LoFi non aiuta in tal senso, ma è risaputo quanto essa sia un marchio di fabbrica oramai irrinunciabile per questa tipologia di prodotti. Il passo verso il Noise qui è breve, ma non è stato compiuto, sia ben chiaro, ed in qualsiasi caso non sussiste nessuna filosofia od avanguardia che ne giustifichi l’eventuale approccio (fino a prova contraria, naturalmente).
Complessivamente possiamo affermare di essere in presenza di un altro discreto prodotto della Trazeroeuno, purtroppo limitato nella durata (due soli brani per una durata totale di 30 minuti) ma ciò nondimeno godibile fino in fondo. Se siete affamati di depressione (!) ma disposti anche ad accettare qualche piacevole edulcorazione (vedetelo pure come un barlume di speranza e facile salvezza, se vi pare), questo è l’album che farà al caso vostro.
(Renato Zampieri)

Headbang . www.headbang.it . 6/10
Il mini cd di cui stiamo scrivendo rappresenta l’ultima release della Trazeroeuno, label italiana, che da alle stampe il prodotto in queste ultime settimane dell’anno duemiladieci. Questo disco raccoglie in poco più di trenta minuti di musica un brano degli Asofy, gruppo italiano dedito ad un black metal visibilmente intaccato da acidi sperimentali e capitanato da Tryfar, ed un brano degli Sleeping Village in cui, oltre al già menzionato Tryfar, milita M., già all’attivo anche con i Blue Deers ed i Cervix. Si può senza ombra di dubbio affermare che più casereccia di così una produzione non si era mai vista. E questo è un bene perché l’etichetta italiana ha bisogno di prodotti per farsi conoscere nelle sue molteplici sfaccettature sonore, forte di una cura per i particolari ed un impegno che nelle label indipendenti non sempre sono all’altezza del pubblico più esigente.
Come al solito, già l’apparato grafico e il package del disco rientrano negli standard piuttosto elevati delle altre produzioni dell’etichetta. Semplice ma curata e d’impatto la sleeve di cartoncino cela al suo interno le informazioni sul disco più un set di tre fotografie tutto ad opera di “capitan” Tryfar.
La musica che viene esposta in Information/Noise si divide in due, marcando in modo piuttosto evidente la prima composizione dalla seconda. Lo stile degli Asofy, mi spiace doverlo ammettere, subisce in questo disco una sterzata verso luoghi ahimè piu noiosi rispetto al validissimo disco precedente, Lento procedere prima del sonno, che mi aveva entusiasmato per il suo sound cupo e sulfureo, influenzato a mio avviso più dalle cadenze del funereo doom metal che non dai ruggiti del black. Cosa che invece avviene in questo ultimo lavoro. Di per sé il brano non è una brutta composizione ed anzi al suo interno ci sono dei momenti più che felici con soluzioni ritmiche indovinate ed un sound decisamente pregevole ma gravato forse da una eccessiva prolissità. Dodici minuti sono troppi per poter esprimere in modo lineare il mood del brano che a me è sembrato decisamente sovraccaricato.
I territori più violentemente noise del disco risiedono nella sua seconda parte. In diciassette minuti di follia gli Sleeping Village rilasciano tutta la loro verve artistica giocando con suoni che spaziano da opprimenti divagazioni rumorose ad appena accennate melodie chitarristiche. Il tutto condito con ampie porzioni di harsh vocals e blastbeats batteristici. Le intenzioni del brano sono più che positive ma anche questa volta, a parere di chi scrive, l’eccessiva prolissità del brano gioca un ruolo negativo nei confronti del gradimento finale. È un vero peccato perché proprio verso il finire dei questa traccia si assiste al suo momento più luminoso, dove nella coltre di nebbie elettriche dall’odore d’inferno digitale fa capolino una imponente sezione armonica cadenzata che spezzando il ritmo del brano concede ad esso una evoluzione totalmente inaspettata. In chiusura, tra suggerimenti chitarristici dalla venatura melodica e grida disperate, un drone distorto conclude l’opera del dormiente villaggio.
Questo disco conferma l’ottimo stato di salute della Trazeroeuno, una delle più promettenti etichette che mi è capitato di incontrare sul suolo italiano. Dall’altra parte è anche il testimone di un mezzo passo falso determinato non tanto dal tipo di musica suonato quanto dalla lunghezza pedante delle composizioni. L’ottimo ed austero suono degli Asofy risente veramente tanto di questa caratteristica nonostante anche il loro precedente lavoro presentasse canzoni di minutaggio non certo esiguo.
È comunque un prodotto interessante che ci rende partecipi della situazione underground del Bel Paese dimostrando come anche da noi ci siano situazioni musicali sconosciute ai più ma apportatrici di idee nuove e voglia di suonare. Credo che per giudicare la validità compositiva ed esecutiva degli Asofy e degli Sleeping Village dovremmo aspettare i relativi full lenght, confidando che non lasceranno sicuramente delusi i fan più intransigenti.
(Angelus Novus)

Aristocrazia . aristocraziawebzine.blogspot.com .
Iniziamo col dire che l’etichetta Trazeroeuno ha fatto un ottimo lavoro con il packaging di questo prodotto, tanto che non sembra nemmeno di trovarsi davanti a una release su cd-r. Lo split in questione (limitato a 133 copie) si presenta come un cd-r con etichetta professionale inserito in un case di cartoncino contenente tre fotografie e i testi dei due pezzi presenti. Le band che si affiancano in questa uscita sono i milanesi Asofy (che hanno già un full al loro attivo) e i toscani Sleeping Village. Il punto in comune tra le due band è la presenza di Tryfar in entrambe le formazioni (come mastermind nella prima e voce nella seconda). Aprono le danze gli Asofy che ci presentano un brano che ci porta sul versante del Depressive Black Metal. Voce straziante, testi in italiano, batteria elettronica con suoni molto algidi fanno accostare questo pezzo ad alcune composizioni di Xasthur, primi Bethlehem, mentre il cantato in italiano e la parte finale del pezzi hanno alcuni richiami col Black Metal di matrice italiana in stile Spite Extreme Wing e Janvus. C’è da dire che, vuoi una programmazione della drum machine non perfetta, vuoi una certa insicurezza in alcuni passaggi di chitarra, il pezzo non brilla particolarmente. All’opposto gli Sleeping Village colpiscono nel centro con tutta la loro potenza distruttiva. I tempi del Black Metal atmosferico dei loro primi lavori è qui completamente accantonato, la registrazione è al top (merito anche del lavoro di mixaggio e mastering di MZ), la batteria e il basso hanno un suono profondo e corposo. Il pezzo, con un Tryfar alla voce perfettamente amalgamato col resto e molto ispirato (mi viene da domandarmi perché non canti anche nel suo progetto), decolla da subito, trasmettendo le stesse emozioni di dolore e disperazione del genere depressive, ma utilizzando materiale sonoro completamente nuovo. Arpeggi e solo di chitarra che richiamano in alcune parti i Katatonia e i nostrani Novembre si alternano a un groove della sezione ritmica particolarmente azzeccato e senza alcuna sbavatura. In definitiva questo split è un lavoro azzeccato, da cui trasuda passione e professionalità. Il lato “debole” del prodotto è il pezzo di apertura degli Asofy, ma nel complesso questo cd-r getta un’ottima luce sul lavoro di questa etichetta nostrana, che si prospetta come una realtà ricca di intraprendenza e di originalità. E per quanto riguarda gli Sleeping Village, attendiamo il loro prossimo lavoro con grande trepidazione! Avanti così, ragazzi!
(Leonard Z)

Advertisements